Caffettiera napoletana o moka?

0
440
Caffettiera napoletana o moka

Oggi se parliamo di caffè abbbiamo solo l’imbarazzo della scelta.
Al vetro, macchiato freddo, macchiato caldo, marocchino, schiumato, in tazza grande, caffè freddo, caffè doppio e chi più ne ha più ne metta.
Tutte le categorie sopra elencate fanno parte della famiglia del caffè espresso, cioè quel caffè servito espresso, direttamente dalla macchinetta del caffè del bar o di casa ed è della tipologia di macchinette del caffè casalinghe di cui oggi noi vogliamo parlarvi.

Come tipologia di macchine da caffè casalinghe abbiamo due importanti invenzioni: la caffettiera napoletana e la moka.

Caffettiera napoletana.

La caffettiera napoletana, inventata dal francese Morize nel 1819, anche conosciuta col nome di cuccumella, era stata progettata originariamente in rame. Solo 76 anni dopo si passerà ad utilizzare l’alluminio.
Ultimamente vengono prodotti anche modelli in acciaio, principalmente perchè la caffettiera in acciaio può essere usata sui moderni piani di cottura ad induzione.

Rispetto alla più famosa Moka ha una struttura più complessa se così vogliamo dire, più alta indubbiamente, perchè formata da 5 elementi che vanno ad incastrarsi tra di loro.
Il serbatoio dell’acqua, la parte più alta della caffettiera, quella dove si trova anche il manico, il contenitore del caffè, formato da un cilindro cavo, inserito dentro al serbatoio dell’acqua avente due fori, uno per il caffè e uno per la fuoriuscita di acqua, il filtro, usato per trattenere la polvere, il serbatoio della bevanda, cioè il caffè al suo stadio di bevanbda finale e il coperchio.

Questa tipologia di caffettiera non fa uso della pressione per dare movimento all’acqua, bensì usa la forza di gravità.
La sua particolarità è il serbatoio che è dotato di un beccuccio, rivolta verso il basso quando il caffè è in preparazione e rivolto verso l’alto nel momento di servirlo.

Chiaramente la preparazione del caffè avviene a macchina smontata, prima si versa l’acqua nella caldaia al di sotto del foro dell’evaporazione, poi il caffè nel cilindro, che ha una polvere macinata più grossa rispetto alla polvere della moka. In questo caso il caffè non va pressato.
Si avvita il filtro sul contenitore di caffè e questo poi nel serbatoio dell’acqua.
A questo punto i due manici devono corrispondere come posizione senza lasciare fessure tra le due strutture, pena la perdita del caffè fuori la caffettiera.

A questo punto la caffettiera è pronta per essere messa sul fuoco.
Quando l’acqua raggiungerà il bollore, il vapore uscirà dal foro del serbatoio ed è a quel punto che bisognerà prendere la caffettiera per i due manici e capovolgerla.
I due serbatoio, acqua e caffè saranno quindi capovolti, lasciando l’acqua scendere sotto la forza di gravità, passando per il serbatoio del caffè e per essere finalmente pronto.
Il beccuccio a questo punto permetterà al caffè di essere versato.
Sicuramente un procedimento macchinoso ma affascinante.

Moka.

La Moka signori e singore!
La prima Moka, anche detta macchinetta del caffè fu inventata da Alfonso Bialetti nel 1933. Bialetti rivoluzionò il modo di fare il caffè in casa. Prima di lui esisteva la caffettiera napoletana, che come visto sopra usa la forza di gravità, mentre la macchina di Bialetti permette la preparazione del caffè tramite la spinta grazie alla pressione del vapore dell’acqua dal basso verso l’alto.
Formata da tre pezzi, si mette prima l’acqua nella parte bassa della caffettiera detta caldaia, fino a sfiorare il livello della valvola di sicurezza, vi si inserisce il filtro ad imbuto, dove va appunto inserita la polvere di caffè esercitando una lieve pressione, quindi viene avvitato questo sul bricco, la parte superiore della macchinetta, quella che raccoglierà la bevanda finale, a sua volta dotata di un filtro piastrina, un tubo verticale dove appunto il caffè salirà.

Una volta raggiunta l’abollizione l’acqua salirà toccando la polvere di caffè e trasfromandola in liquido che a sua volta salirà fino al pezzo finale.

Il procedimento è diverso, sta a voi decidere quale preferire, noi vi possiamo consigiare entrambi i modelli qui.