Centro Studi Documentazione Memoria Orale

L’anjë dlä Pèstë

Creazione collettiva del Laboratorio Permanente di Ricerca Teatrale di Salbertrand



ITALIANO ITALIANO

Da un vicolo del paese di Salbertrand giunge il carro dei comici tirato da tre uomini. Il clima è festoso, alcuni musicisti accompagnano l'allegra brigata. Il carro viene piazzato a mo’ di palco e i comici cominciano a fare le prove del loro spettacolo raccontando una fiaba di La Fontaine: La peste tra gli animali. Gli attori vengono interrotti da un paesano che racconta a suo modo la stessa storia in lingua occitana. I comici scacciano il paesano. Mentre alcuni ragazzi giocano nella piazza, sul carro una donna canta una ninna nanna e allatta un bimbo, accortasi che il bimbo è morto impazzisce. Un'altra donna urla per l'orrore, mentre il morbo si sparge dopo l'avvertimento dell'arrivo del flagello da parte di due pellegrini che attraversano la piazza. La piazza viene divisa da una corda tesa dagli attori; pubblico e attori si trovano improvvisamente separati: da una parte gli appestati, dall'altra i sani. Una donna narra l'incubo dei ratti e una processione, al canto di una litania, con uomini che spargono calce, accompagna i medici che dissertano sulla malattia. Il popolo reagisce dandosi ad una vita sfrenata e il prete tuona contro il peccato invocando il castigo divino. Un angelo nero e uno bianco si affrontano in una danza macabra. Il morbo si sparge, mentre regna il caos. I flagellanti si battono nella speranza di scacciare il male con l’espiazione delle proprie colpe. Gli angeli della peste scandiscono il cadere delle vittime. I monatti caricano i corpi inanimati sopra al carro dei comici che esce dalla piazza, come carro funebre, con un corteo accompagnato da un mesto canto e dai rintocchi delle campane. Gli attori rientrano danzando, segno della fine della pestilenza, e coinvolgono il pubblico, ma… la peste è sempre pronta a svegliare i suoi topi.

OCCITANO OCCITANO

D’un cair dla plasë (ël Mai ‘d Sabaltran) i l’aribbë ël shariò dlou tiatran, menâ da treiz omme. La samblë unë bellë fêtë. La muziqquë i l’aribbë ‘mbou iellou. Ël shariò ou l’ì anoubrà da lou tiatran par fâ ël tiatrë. I s’bittan a countâ l’istouarë ‘d que La Fontaine: La pèstë ou bèmai dla bicia. Tout d’un cò ou l’aribbë un ommë dou paî qu’ou s’bittë a countâ la meimë istouarë an patouà. Lou tiatran i ‘l fan filâ vî. Din ‘l meimë tan que treiz anfan i soun pré s’amuzâ, unë fënnë i l’ì pré crozâ soun pshì an shantan unë shansoun par l’andourmî. Tout d’un cò i s’ancorzë qu’soun pshì ou l’ì môr. Unë aoutrë fënnë s’bittë urlâ. La pèstë l’aribbë tra la zhan apré que i soun pasà dou paourë diable avartî ‘d fâ tansioun. Lou tiatran i tiran unë cordë par partazhâ la plasë. la zhan i s’trovë separà: d’unë par la lh’à lou maras e dl’aoutrë quellou qu’itan bian. Unë fënnë s’bittë countâ d’oougueir soueimâ ‘d jariou. I l’aribbë unë prousesioun ‘mbou d’omme qu’i shantan ‘d litanìe an latin e qu’i fouttan dapartout ad shousinë acoumpanhà par dou madsin qu’i parlan dla maratìë. La zhan s’bittë a fâ fetë e ‘l curà ou fai la predica e ou dì qu’l’î peshà. La lhà ciou ‘d plu ‘d maras e la s’coumpran pa mai ran. Lou flagelan i s’fouttan ‘d creppe par espiâ lou peshà. Louz anzhe dla pèstë i dounan l’ourë a lou môr an pican ‘d su un brounsin. Louz omme i sharzhan lou môr su ‘l shariò qu’ou sor dou Mai acoumpanhà da la prousesioun par l’anteraman; ou meimë tan dou cloushî la s’antan la pasà. Lou tiatran tornan aribbâ e i dansan unë farandol ‘mbou toutta la zhan. La pèstë i l’î anà vië ma... i l’î ciou prést arvilhâ soun zhariou.

Riferimenti
Ce.S.Do.Me.O. - Centro Studi Documentazione Memoria Orale | Fraz. San Giuseppe, 1 - 10050 - GIAGLIONE (TO)
CONTATTI
0122-31430