Centro Studi Documentazione Memoria Orale

Home Page

Filmati nelle parlate francoprovenzali: Diego Castagneri


Balme. Clicca per ingrandire la foto. Il link aprirà una nuova finestra del browser Aloura, me sè Diégo Castanhéri, sè 'd Bàrmës, ma istou a Chabartòt, dopou quë m'è marrià sè alà sta a 'l Moulòttes, es n'aoutou pais sémpre dou coumun 'd Bàrmës. I faou... Për vivrë i faou lou mouradoù e juttou an famî perqué g'èn ël vàchës e g'èn co ou negosi.

TRADUZIONE
Allora, io sono Diego Castagneri, sono di Balme ma abito a Chialambertetto, dopo che mi sono sposato sono andato a stare a Molette, è un altro paese sempre del comune di Balme. Faccio... Per vivere faccio il muratore e aiuto in famiglia perché abbiamo le mucche e abbiamo anche il negozio.


Per la trascrizione di questo filmato in lingua francoprovenzale è stata utilizzata la grafia di Arturo Genre


Il mestiere del muratore in Val d'Ala di Lanzo

Balme-Ecomuseo delle Guide Alpine Antonio Castagneri. Il link aprirà una nuova finestra del browser Il signor Castagneri è un giovane e abile artigiano originario di Chialambertetto, frazione del comune di Balme, ultimo paese della Val d'Ala di Lanzo posto a 1432 m di altezza.
Egli ha proseguito l'attività del nonno, il quale gli insegnò i rudimenti del mestiere del muratore e gli trasmise i suoi saperi e il suo amore per la tradizione. Forte di questi preziosi insegnamenti il signor Castagneri si è specializzato nel restauro delle antiche abitazioni in pietra dai tetti ricoperti a lose, tipiche dell'alta valle, utilizzando nel suo lavoro lo stesso materiale e le stesse tecniche usate nei secoli passati dalla gente del posto. Non rinuncia inoltre a offrire il suo aiuto alla famiglia nell'allevamento del bestiame e nella conduzione del negozio di alimentari.
Il mestiere del muratore rappresenta un'attività tipica dell'area alpina, svolta un tempo stagionalmente (spesso oltralpe) e a supporto delle attività agro-pastorali. Un tempo, infatti, l'economia alpina era mista, venivano svolte più attività tra loro complementari. La principale forma di sostentamento economico del comune di Balme era l'allevamento, attività ancora ampiamente praticata, grazie alla disponibilità sul territorio di buoni alpeggi.
Tra la metà dell'800 e il primo dopoguerra, il paese fu interessato da un periodo di floridezza economica, determinata dallo sviluppo locale di un turismo legato alla nascita dell'alpinismo e dello sci alpino nelle valli torinesi. Sorse in quegli anni il mestiere della guida alpina svolta dagli uomini del posto, esperti conoscitori del territorio che seppero conquistarsi una fama in grado di superare i confini della valle. Celebre fu Antonio Castagneri, Toni di Touni, al quale è stato dedicato l'Ecomuseo delle Guide Alpine.

Riferimenti
Ce.S.Do.Me.O. - Centro Studi Documentazione Memoria Orale | Fraz. San Giuseppe, 1 - 10050 - GIAGLIONE (TO)
CONTATTI
0122-31430