Centro Studi Documentazione Memoria Orale

Home Page

Filmati nelle parlate francoprovenzali: Bruno Tessa


Mi i éi nom Brouno, s' trouënt an Couase, isì a l'et a... a ou Vilegrënt. Mi tésou, i éi lou talèi e tut i atrési për fe téla. I seui aruvà, diouma, a ricostruì 'ncoura la tesitura coun i atrési d'in bot, i éi trouvà trai talèi e peui l'aouta atresitura l'aien-t incoura perqué ma famia, li meui i faiuon téla, fala fin vers lou mileneuousëntesinquënta e peui ël none i érou gë véi, pouioun pa pi fèlou, aloura i an co piantà iquì.

TRADUZIONE
Il mio nome è Bruno, ci troviamo a Coazze, qui è al Villargrande. Io tesso, ho il telaio e tutti gli attrezzi per fare tela. Sono riuscito, diciamo, a ricostruire ancora la tessitura con gli attrezzi di una volta, ho trovato tre telai e poi l'altra attrezzatura l'avevamo ancora, perché la mia famiglia, i miei facevano tela, l'hanno fatta fin verso il millenovecentocinquanta e poi le nonne erano già vecchie, non potevano più farlo, allora hanno poi smesso.


Per la trascrizione di questo filmato in lingua francoprovenzale è stata utilizzata la grafia di Arturo Genre


La tessitura della canapa in Val Sangone

Il signor Bruno Tessa al telaio. Clicca per ingrandire la foto. Il link aprirà una nuova finestra del browser Il signor Bruno, è originario di borgata Mattonera, borgata montana di Coazze posta a quota 1080 m s.l.m., e abita nel capoluogo, in località Villargrande. Maestro elementare in pensione, ormai da diversi anni s'impegna nella conservazione del patrimonio culturale e linguistico del suo paese, cercando di mantenerne vive tradizioni e usanze. Da quando ha lasciato l'insegnamento il signor Bruno coltiva costantemente la sua passione per la tessitura della canapa. Dopo aver recuperato alcuni vecchi telai, e dopo aver cercato nella memoria i movimenti che aveva visto compiere tante volte dalle donne di casa, è riuscito a imparare a tessere, nel modo tradizionale, la tela di canapa, che lui stesso fila e che, con l'interessamento dell'Ecomuseo dell'Alta Val Sangone, da alcuni anni coltiva, ricreando il processo completo di lavorazione.
L'attività di tessitura della canapa rappresentava in passato una risorsa essenziale per l'economia delle comunità di Coazze. Prima dell'industrializzazione del fondovalle, quasi ogni famiglia del paese possedeva un telaio e integrava l'economia domestica con i guadagni ricavati dalla vendita della tela, che veniva lavorata nei periodi in cui le attività agricole e pastorali rallentavano, d'inverno nella stalla oppure in alpeggio, nei tempi morti. Anche le abitazioni estive, infatti, erano dotate di telaio.

Riferimenti
Ce.S.Do.Me.O. - Centro Studi Documentazione Memoria Orale | Fraz. San Giuseppe, 1 - 10050 - GIAGLIONE (TO)
CONTATTI
0122-31430